Sab 17 marzo 2012 – Barbarella allo spazio Zuretti

marzo 13, 2012 in Mi Chiamavano Barbarella, Senza categoria, Teatro, Teatro

Locandina_Mi_chiamavano_Barbarella

La locandina dello spettacolo teatrale "Mi chiamavano Barbarella"

Sabato 17 marzo – ore 20

Spazio Zuretti – via Zuretti 47, Milano

Costo: 12 Euro con cena fredda e degustazione vini

L’associazione Har Baje Teatro ospita lo spettacolo di Nuvolanove “Mi chiamavano Barbarella”, di e con Cristina Cavalli e Lucilla Tempesti, da un testo di Lucilla Tempesti. Costumi di Cecilia Vecchio. Supervisione artistica di Ilaria Pardini. Grafica di Chiara Freschi.

La trama – Due donne si trovano nella sala d’aspetto di uno studio legale per un colloquio. L’una, Barbara, Barbarella come il titolo del celeberrimo film per gli amici e per la madre con un’insana e inspiegabile passione per Jane Fonda, è una giovane neolaureata. Amante dello shopping e della forma fisica, Barbarella è una ragazza allegra, spigliata, che ama la vita e non ha paura di mostrarlo. Proviene da una famiglia medio borghese, intuitivamente di destra, e ha una forte propensione alla descrizione del sé.

L’altra, Claudia, è una donna sulla quarantina, di sinistra, con due figli, un marito e una voglia di indipendenza che ha maturato nei pensieri e non ha tradotto nella vita. Le necessità economiche la spingono a cercare un’occupazione, dopo anni di esclusiva maternità e una laurea in lettere presa senza troppa convinzione.

Si presentano per lo stesso posto di segretaria, e l’attesa è un pretesto per conoscersi, fra battute, ironie, contraddizioni e desideri inespressi, in un incontro generazionale che risulterà a entrambe sorprendente.

Ma l’assegnazione del posto di lavoro sarà tutt’altro che ovvia, e purtroppo molto italiana.

Per maggiori informazioni sullo spettacolo: info@nuvolanove.it

Marzo sul Corriere Mercantile – Si parla di Barbarella

marzo 9, 2012 in Mi Chiamavano Barbarella, Teatro

Il Corriere Mercantile per le repliche del 9 e 10 marzo ha raccontato un po’ di noi: lo spettacolo, la storia, chi ci ha lavorato, e chi siamo. Un bel modo per accogliere Barbarella ad Arenzano!

Il Corriere Mercantile parla dello spettacolo "Mi chiamavano Barbarella"

Ven 9 e sab 10 marzo 2012 – Barbarella al Sipario Strappato

marzo 6, 2012 in Eventi, Mi Chiamavano Barbarella, Teatro, Teatro

Locandina_Mi_chiamavano_Barbarella

La locandina dello spettacolo teatrale "Mi chiamavano Barbarella"

Venerdì 9 e sabato 10 marzo – ore 21

Teatro Il Sipario Strappato

via Terralba 79, Arenzano (GE)

Venerdì 9 e sabato 10 marzo al teatro Sipario Strappato di Arenzano porteremo lo spettacolo di Nuvolanove “Mi chiamavano Barbarella”, di e con Cristina Cavalli e Lucilla Tempesti, da un testo di Lucilla Tempesti. Costumi di Cecilia Vecchio. Supervisione artistica di Ilaria Pardini. Grafica di Chiara Freschi.

La trama – Due donne si trovano nella sala d’aspetto di uno studio legale per un colloquio. L’una, Barbara, Barbarella come il titolo del celeberrimo film per gli amici e per la madre con un’insana e inspiegabile passione per Jane Fonda, è una giovane neolaureata. Amante dello shopping e della forma fisica, Barbarella è una ragazza allegra, spigliata, che ama la vita e non ha paura di mostrarlo. Proviene da una famiglia medio borghese, intuitivamente di destra, e ha una forte propensione alla descrizione del sé.

L’altra, Claudia, è una donna sulla quarantina, di sinistra, con due figli, un marito e una voglia di indipendenza che ha maturato nei pensieri e non ha tradotto nella vita. Le necessità economiche la spingono a cercare un’occupazione, dopo anni di esclusiva maternità e una laurea in lettere presa senza troppa convinzione.

Si presentano per lo stesso posto di segretaria, e l’attesa è un pretesto per conoscersi, fra battute, ironie, contraddizioni e desideri inespressi, in un incontro generazionale che risulterà a entrambe sorprendente.

Ma l’assegnazione del posto di lavoro sarà tutt’altro che ovvia, e purtroppo molto italiana.

Per maggiori informazioni sullo spettacolo: info@nuvolanove.it

Sabato 3 marzo 2012 – “Mi chiamavano Barbarella” a Cavaglià

febbraio 20, 2012 in Eventi, Mi Chiamavano Barbarella, Teatro, Teatro

Locandina_Mi_chiamavano_Barbarella
La locandina dello spettacolo teatrale “Mi chiamavano Barbarella”

Sabato 3 marzo – ore 21

Spazio Polivalente – Cavaglià (BI)

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Cavaglià presenta, in occasione dell’8 marzo festa della donna, lo spettacolo di Nuvolanove “Mi chiamavano Barbarella”, di e con Cristina Cavalli e Lucilla Tempesti, da un testo di Lucilla Tempesti. Costumi di Cecilia Vecchio. Supervisione artistica di Ilaria Pardini. Grafica di Chiara Freschi.

La trama – Due donne si trovano nella sala d’aspetto di uno studio legale per un colloquio. L’una, Barbara, Barbarella come il titolo del celeberrimo film per gli amici e per la madre con un’insana e inspiegabile passione per Jane Fonda, è una giovane neolaureata. Amante dello shopping e della forma fisica, Barbarella è una ragazza allegra, spigliata, che ama la vita e non ha paura di mostrarlo. Proviene da una famiglia medio borghese, intuitivamente di destra, e ha una forte propensione alla descrizione del sé.

L’altra, Claudia, è una donna sulla quarantina, di sinistra, con due figli, un marito e una voglia di indipendenza che ha maturato nei pensieri e non ha tradotto nella vita. Le necessità economiche la spingono a cercare un’occupazione, dopo anni di esclusiva maternità e una laurea in lettere presa senza troppa convinzione.

Si presentano per lo stesso posto di segretaria, e l’attesa è un pretesto per conoscersi, fra battute, ironie, contraddizioni e desideri inespressi, in un incontro generazionale che risulterà a entrambe sorprendente.

Ma l’assegnazione del posto di lavoro sarà tutt’altro che ovvia, e purtroppo molto italiana.

Per maggiori informazioni: info@nuvolanove.it

“Mi chiamavano Barbarella” a Massarosa

ottobre 25, 2011 in Eventi, Mi Chiamavano Barbarella, Spettacoli, Teatro

La Commissione pari opportunità del Comune di Massarosa presenta, in occasione della Campagna del Fiocco bianco, lo spettacolo di Nuvolanove “Mi chiamavano Barbarella”, di e con Cristina Cavalli e Lucilla Tempesti, da un testo di Lucilla Tempesti. Costumi di Cecilia Vecchio. Supervisione artistica di Ilaria Pardini. Grafica di Chiara Freschi.
La trama – Due donne si trovano nella sala d’aspetto di uno studio legale per un colloquio. L’una, Barbara, Barbarella come il titolo del celeberrimo film per gli amici e per la madre con un’insana e inspiegabile passione per Jane Fonda, è una giovane neolaureata. Amante dello shopping e della forma fisica, Barbarella è una ragazza allegra, spigliata, che ama la vita e non ha paura di mostrarlo. Proviene da una famiglia medio borghese, intuitivamente di destra, e ha una forte propensione alla descrizione del sé.
L’altra, Claudia, è una donna sulla quarantina, di sinistra, con due figli, un marito e una voglia di indipendenza che ha maturato nei pensieri e non ha tradotto nella vita. Le necessità economiche la spingono a cercare un’occupazione, dopo anni di esclusiva maternità e una laurea in lettere presa senza troppa convinzione.
Si presentano per lo stesso posto di segretaria, e l’attesa è un pretesto per conoscersi, fra battute, ironie, contraddizioni e desideri inespressi, in un incontro generazionale che risulterà a entrambe sorprendente.
Ma l’assegnazione del posto di lavoro sarà tutt’altro che ovvia, e purtroppo molto italiana.
Per maggiori informazioni: info@nuvolanove.it

 


Shooting di "Mi chiamavano Barbarella"

settembre 29, 2011 in Mi Chiamavano Barbarella, Teatro

Abbiamo deciso di fare qualche scatto ai personaggi di Barbarella… A breve il risultato!

Il debutto di "Mi chiamavano Barbarella"

luglio 27, 2011 in Mi Chiamavano Barbarella, Teatro, Teatro

Ecco come è andata…

Il debutto di "Mi chiamavano Barbarella" – le prove su palco

luglio 25, 2011 in Mi Chiamavano Barbarella, Teatro, Teatro


 

Debutto dello spettacolo "Mi chiamavano Barbarella"

luglio 22, 2011 in Mi Chiamavano Barbarella, Teatro

Locandina_Mi_chiamavano_Barbarella

La locandina dello spettacolo teatrale “Mi chiamavano Barbarella”


ore 21.00
presso VILLA GORI
Massarosa (Lucca)

All’interno del festival “Estate in Villa Gori”, debutterà lo spettacolo “Mi chiamavano Barbarella”, di e con Cristina Cavalli e Lucilla Tempesti, da un testo di Lucilla Tempesti. Costumi di Cecilia Vecchio. Supervisione artistica di Ilaria Pardini. Grafica di Chiara Freschi.

La trama – Due donne si trovano nella sala d’aspetto di uno studio legale per un colloquio. L’una, Barbara, Barbarella come il titolo del celeberrimo film per gli amici e per la madre con un’insana e inspiegabile passione per Jane Fonda, è una giovane neolaureata. Amante dello shopping e della forma fisica, Barbarella è una ragazza allegra, spigliata, che ama la vita e non ha paura di mostrarlo. Proviene da una famiglia medio borghese, intuitivamente di destra, e ha una forte propensione alla descrizione del sé.
L’altra, Claudia, è una donna sulla quarantina, di sinistra, con due figli, un marito e una voglia di indipendenza che ha maturato nei pensieri e non ha tradotto nella vita. Le necessità economiche la spingono a cercare un’occupazione, dopo anni di esclusiva maternità e una laurea in lettere presa senza troppa convinzione.
Si presentano per lo stesso posto di segretaria, e l’attesa è un pretesto per conoscersi, fra battute, ironie, contraddizioni e desideri inespressi, in un incontro generazionale che risulterà a entrambe sorprendente.
Ma l’assegnazione del posto di lavoro sarà tutt’altro che ovvia, e purtroppo molto italiana.
Per maggiori informazioni: info@nuvolanove.it o www.comune.massarosa.lu.gov.it